L'idea di ralizzare una CITY FAMR INCLUSIVA ossia una fattoria didattica in città inclusiva, aperta a tutti anche a chi può muoversi solo in carrozzina, QUINDI PRIVA DI BARRIERE, o per chi magari anzi che manipolare una pallina la mano la può utilizzare per spazzolare o accarezzare un cavallo, per passare ore divere e prendersi cura di un animale.
Attività Assistite con Animali ( A.A.A. ), che mirano a migliorare la qualità di vita delle persone in situazione di disagio, in quanto l’animale risulta essere un perfetto tramite per lo sviluppo delle relazioni.
Educazione con l'ausilio di animali (EAA), dove l'animale è il mediatore educativo utilizzato per ottenere una interazione relazionale. La valenza educativa sta nella possibilità del trasferimento della relazione tra uomo – animale e quella tra uomo – uomo.
Il prendersi cura dell'animale favorisce il senso di responsabilità, quanto mai auspicabile nel caso di bambini e di adulti che hanno perso la fiducia in sé stessi, garantisce un'immagine valida e positiva della propria persona e del proprio valore individuale. Infatti, dare da mangiare all'animale rappresenta il primo passo per stabilire un rapporto di fiducia poiché grazie al cibo si creano tutta una serie di informazioni ed emozioni che legano vicendevolmente uomini ed animali. La cura dell’animale attraverso attività che possono fungere anche da riabilitazione, si pesi ad esempio al caso di individui con problemi di articolazione può rappresentare un’occasione di divertimento e svago incidendo positivamente anche nel benessere psichico dell’individuo.